Perché ho iniziato un percorso di vita senza plastica?

Ciao e benvenuto/a su  Vita plastic free.

Mi chiamo Angela, vivo a Roma e da quasi un anno ho cambiato radicalmente abitudini e comportamenti, per riuscire a vivere (quasi) completamente senza plastica.

Questo blog nasce per raccontare e condividere la mia esperienza, fornendo informazioni e suggerimenti utili a tutte le persone che desiderino intraprendere un percorso simile al mio o che siano comunque interessate a ridurre il consumo di plastica all’interno della propria vita.

Ogni anno circa 8 milioni di tonnellate di plastica finiscono negli oceani, con conseguenze devastanti per la flora e la fauna marina. Se nei prossimi anni non riusciremo ad invertire questa drammatica escalation, entro il 2050 negli oceani ci sarà più plastica che pesce.

Sono dati allarmanti, che fanno riflettere. Ma credo si tratti di informazioni che ormai tutti abbiamo già letto o sentito da qualche parte. D’altronde, se stai leggendo questo post, probabilmente sei già consapevole dell’impatto ambientale dell’inquinamento da plastica e microplastiche. Probabilmente hai a cuore le sorti del pianeta e hai già messo in atto alcune buone pratiche per eliminare la plastica dalla tua vita.

Anch’io sono sempre stata una persona sensibile alle tematiche green e rispettosa dell’ambiente.  Mi rendevo conto di come la plastica stesse lentamente avvelenando i mari e i pesci.  Ma francamente fino all’anno scorso avevo uno stile di vita piuttosto convenzionale.

Praticavo la raccolta differenziata, questo si, ma non mi impegnavo attivamente per la difesa dell’ambiente. Consumavo tantissima acqua minerale in bottiglie usa e getta, utilizzavo i sacchetti di plastica all’occorrenza e acquistavo indumenti sintetici.

È stato un episodio specifico ad aprirmi definitivamente gli occhi e a spingermi ad impegnarmi in una vita plastic free.

Mi trovavo in vacanza a Cipro. Ricordo bene la scena: sole, sabbia bianca, mare cristallino, e davanti a me solo l’immensità dell’orizzonte. Sono entrata in acqua e ho cominciato lentamente a nuotare verso il largo. Ad un certo punto ho avvertito il contatto con qualcosa di viscido.

Istintivamente ho pensato che fosse un pesce. Mi sono fermata e mi sono accorta che stavo nuotando letteralmente in un mare di plastica. Sull’acqua galleggiava qualsiasi cosa: bottigliette di plastica, mozziconi di sigarette, cannucce, flaconi di bagnoschiuma, accendini, cotton fioc, buste di plastica.

Ho avuto una reazione di fastidio e totale disgusto. Quella è stata la mia epifania.
È stato in quel preciso momento che ho deciso di cambiare stile di vita, promettendo a me stessa che da quel giorno in poi avrei dedicato tutti i miei sforzi e le mie energie per eliminare completamente la plastica dalla mia vita.

Ci sono riuscita?

In gran parte si. In maniera graduale, con tanto impegno, costanza e perseveranza.

 

Si può riuscire a vivere senza plastica?

Attualmente è praticamente impossibile sfuggire completamente alla plastica. E questo per due ragioni principali:

Contesto urbano

Ci sono tantissimi oggetti che contengono necessariamente componenti in plastica o sono fatti quasi interamente di plastica. Pensa alle automobili o ai dispositivi elettronici, ad esempio. Computer, stampanti, smartphone e tablet sono pieni di elementi di plastica.  Anche la tastiera con cui sto scrivendo questo articolo è completamente di plastica. Per non parlare degli imballaggi, che sono praticamente onnipresenti in ogni prodotto.

Ambiente naturale

La plastica è ovunque. Minuscoli frammenti di plastica sono sospesi nell’aria che respiriamo, vengono assorbiti dalla terraferma e si trovano dispersi in tutti i mari. Tutti noi di fatto siamo contaminati da queste microplastiche, che introduciamo nel nostro organismo attraverso l’alimentazione, ma anche tramite contatto con le fibre sintetiche o la semplice inalazione.

La sfida quindi per me non era quella di eliminare completamente la plastica, ma di ridurla in maniera significativa, sostituendola con altri materiali naturali, ecologici e sani.

All’inizio non è stato semplice. I primi giorni ero davvero scoraggiata. Mi sono sentita sopraffatta da un impegno che mi sembrava troppo gravoso da portare a termine. Ma poi ho capito che sarebbe stato un percorso graduale e che non sarei mai riuscita a stravolgere le mie abitudini dall’oggi al domani.

E così, passo dopo passo, sono riuscita a cambiare il mio stile di vita, e oggi posso dire di condurre una vita quasi completamente senza plastica. Per me è  una sfida continua, perché ogni giorno mi ritrovo in situazioni nuove, in cui devo inventarmi soluzioni sostenibili e alternative alla plastica.

Se anche tu stai pensando di cominciare un  percorso simile al mio, in questo blog  troverai tante idee e consigli, sperando che possano essere spunti utili per accompagnarti nella transizione verso una vita plastic free.

E se stai obiettando che tanto è tutto inutile e che è impossibile cambiare le cose, ti rispondo con le parole di qualcuno molto più illuminato di me:

Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo.

Gandhi

 

Ultimi articoli sul blog

Detersivi naturali: come farli in casa

Hai mai provato i detersivi naturali fai da te per la pulizia della tua casa? Allora è venuto il momento di cominciare. Prepararli è più semplice di quanto immagini e sostituirli ai detersivi industriali comporta grandissimi vantaggi. Perché usare i detersivi...